CONTENUTO DELLA PAGINA

CULTURA E TURISMO

CULTURA E TURISMO

Storia

Capoluogo dell'antica curatoria di Parte Usellus del Giudicato di Arborea, Usellus godette di grande splendore soprattutto nel periodo romano. Fu in quest'epoca che venne fondata l'antica Colonia Julia Uselis situata presumibilmente sul colle di Santa Reparata nei pressi dell'attuale abitato.

Le vicende che interessarono l'antica popolazione usellense narrano di periodi difficili nei quali la faticosa resistenza alle scorribande e ai saccheggi dei popoli limitrofi rendeva impossibile la vita economica della comunità.
Se da un lato lottava per resistere alle continue incursioni, dall'altro fruiva dello splendore di Roma che la innalzò prima a Municipium e poi la elesse Colonia Julia Augusta sotto l'Imperatore Cesare Augusto, elegendo i propri cittadini a ''civis''.

Fu proprio nel sito dove oggi sorge la chiesa di Santa Reparata che si estendeva Uselis, presumibilmente con i suoi circa sette ettari di terra. Ancora oggi si intravedono residui di embrici, cocci di vasellame e affioranti dal terreno i resti delle grosse murature, così come le mura di cinta della chiesa fanno pensare ad un'antica fortificazione.

Fu nel periodo romano che Usellus subì una notevole evoluzione sia dal punto di vista economico che militare. La favorevole posizione la vedeva protagonista di un'importante e intensa attività economica, crocevia dell'importante rete viaria che la metteva in comunicazione a sud con Aquae Neapolitanae (terme di Sardara), a nord con Forum Traiani e una terza via la univa a Neapolis.
Il processo di romanizzazione e il profondo rinnovamento che investì l'intera area condusse ad un'indelebile trasformazione dell'organizzazione sociale e soprattutto economica lasciando tracce che, sfidando i secoli, permangono ancora oggi.

Ad affermare con più insistenza tale impronta, resiste ancora oggi alla modernità il ponte romano sul Rio Forraxi, nella periferia nord del paese, lungo la strada che conduce a Villaurbana. Tratti dell'antica strada si possono trovare in località
Anche il piccolo paese di Escovedu conserva tracce di epoca romana in località Nuravà dove affiorano massi di crollo e frammenti di ceramica. Notevole importanza spirituale rivesti nel Periodo Giudicale, quando fu sede vescovile. Fu distrutta intorno al 1100, non si sa per quale motivo, probabilmente per incursione barbaricina.
Successivamente il vescovo di Usellus, Mauro, abbandonata la sede vescovile, profanata, si trasferì ad Ales. I superstiti, tenacemente ricostruirono l'abitato più a valle, dove ancora oggi è locato.

Useddus - Istòria (Versione in sardo)

Capulogu de s'antiga curadoria de Parti Useddus de su Giudicau de Arborea, Useddus at gosau de unu lugori mannu prus a totu in su tempus romanu. Fuit in custu tempus chi nd'iant pesau s'antiga Colonia Julia Uselis posta incapas in su cùcuru de Santa Reparada acanta a sa bidda anca est immoi.

Is fatus chi ant interessau s'antiga populatzioni useddesa contant de tempus malus innui sa resistèntzia istentosa a is currullus e a is assachigius de is populus chi ddui aiant a giru a giru rendiat impossìbili sa vida economica de sa comunidadi. Chi dae una parti garrigiat po resisti a is afracadas, dae s'àtera gosat de su lugori de Roma chi dd'aiat pesada a primitziu comenti a ''Municipium'' e a coa dd'aiat iligia Colonia Julia Augusta a suta su imperadori Cesari Augustu, iligendi is tzitadinus suus a ''civis''.

Fiat pròpiu in su logu anca oi si ndi pesat sa cresia de Santa Reparada chi s' ispraxiat Uselis, cun giai, incapas, dexiaseti mois e una cuarra de terra. Oi puru si apubant tobaciu, rogalla de strexu de terra e is restus de murallas mannas chi ndi bessint a filu de terra, aici comenti is murus a giru a giru sa cresia faint pensai a una fortesa antiga.

Fiat in tempus romanu chi Useddus at tentu unu cambiamentu mannu siat dae su puntu de vista economicu siat de cussu militari. Su setiu bellu dda bidiat protagonista de una importanti e manna atividadi economica, agruxeri de sa importanti reti de is bias chi dda poniat in comunicatzioni a basciu cun Aquae Neapolitanae (termas de Sardara), a susu cun Forum Traiani e una bia, sa de tres, dda aciungiat a pari a Neapolis.

Su processu de romanizatzioni e su prufundu renou chi at tocau totu su logu aiat portau a una trasformatzioni chi non si podit scancellai de sa organizatzioni sotzìali e prus a totu economica lassendi rastus chi, marranendi is seculus, abarrant oi puru.

A nai ca giai cun prus abbetiu a custu rastu, apoderat a sa modernidadi fintzas a oi su ponti romanu in su Riu Forraxi, a oru de sa bidda a tramuntana, in sa bia chi portat a Biddaurbana. Tretus de sa bia antiga si podint agatai in localidadi Palas de su Sordau, Baddau, Santu Pedru, Bagossu.

Puru sa biddixedda de Escovedu allogat rastus de tempus romanu in localidadi Nurafà innui ndi bessint a pillu carongius de sciarrocu e rogalla de strexu de terra. Meda importàntzia ispirituali teniat in su Periodu Giudicali, candu fiat sedi de s'obispu.

Est istetia isperdia faci a su 1100, non si isciri po cali motivu, incapas po is afracadas barbaricinas. A pustis su munsannori de Useddus, Mauru, lassada a perdi sa sedi sua, profanada, si nci fiat cambiau in Alas. Is chi funt abarraus salvus, cun aguantu iant torrau a fai sa bidda prus a basciu, innui est a dì de oi.

Torna all'inizio della pagina

AIUTI, SOTTOMENU DELLA PAGINA E ALTRE SEZIONI DEL SITO

Torna all'inizio della pagina